Skip to content

Luce blu: aspetti negativi e soluzioni

Luce blu: aspetti negativi e soluzioni

La Luce Blu è una forma di radiazione elettromagnetica dello spettro del visibile che è compresa tra i 380 e i 500 nm. Essa è particolarmente dannosa tra i 390 e i 455 nm.Le nuove sorgenti luminose (come per esempio i LED) sono state progettate per migliorare e facilitare la nostra vita, ma emettono una quantità di Luce Blu maggiore rispetto alle tradizionali lampadine del passato. La Luce Blu è emessa infatti da luci a LED e allo xeno, dalle lampadine a basso consumo e da tutte gli schermi di PC, Tablet, Smartphone e TV. La luce che raggiunge e penetra nell’occhio umano è suddivisa in spettro visibile, nelle lunghezze d’onda comprese tra 380 e 780 nm, e spettro non visibile, che include la luce nel campo dell’ultravioletto (luce UV) e nel campo dell’infrarosso (luce IR). Da tempo agli esperti è noto che i raggi UV possono potenzialmente danneggiare tessuti organici quali la nostra pelle e gli occhi. Per questo motivo le persone adottano solitamente precauzioni per proteggersi dal sole, usando ad esempio creme solari o occhiali da sole. Tuttavia, anche la luce blu-violetta visibile può potenzialmente danneggiare i nostri occhi. Sebbene la luce blu-violetta abbia meno energia della luce ultravioletta, non viene quasi filtrata quando attraversa l’occhio e raggiunge la retina. Al contrario, la luce ultravioletta è quasi interamente assorbita dalla parte anteriore dell’occhio e molto meno del 5% riesce a raggiungere la retina.

Effetti nocivi della luce blu:

Gli effetti di una sovraesposizione da Luce Blu possono essere suddivisi nel breve e medio/lungo periodo.

Nel breve periodo, quindi dopo 6-8 ore, la maggioranza delle persone soffre di:

  • Rossore e occhi irritati: per lungo tempo si fissano schermi retroilluminati
  • Secchezza degli occhi: dovuta alla minor frequenza del battito di ciglia e alla conseguente minor lacrimazione e lubrificazione del tessuto trasparente che si trova nella parte anteriore dell’occhio
  • Astenopia: stanchezza visiva per l’eccessiva esposizione alla Luce Blu e lo sforzo della lettura di caratteri molto piccoli
  • Insonnia: la Luce Blu inibisce la secrezione di melatonina
  • Mal di testa: per l’eccessivo affaticamento degli occhi

Nel lungo periodo la Luce Blu può portare alla riduzione della densità del pigmento maculare che rappresenta uno dei fattori di rischio per l’insorgenza della maculopatia.

Raccomandazione importante è quella  di rivolgere molto più frequentemente lo sguardo lontano, anche mentre si lavora al computer, con il tablet o lo smartphone. Inoltre, è bene esporre gli occhi ad una luminosità sufficiente, indossando sempre una protezione adeguata contro la luce blu-violetta e i raggi UV eccessivi.

Contro i raggi UV in condizioni di intensa luce è importante indossare occhiali da sole con una protezione del 100%, soprattutto in presenza di forte abbagliamento, come su uno specchio d’acqua o sulle piste da sci.

Se indossiamo gli occhiali prevalentemente in ambienti chiusi, è logico che le lenti per occhiali non necessitino di protezione UV. Tuttavia, è possibile scegliere lenti da vista chiare con filtro per la luce blu come le lenti con DuraVision® Blue Protect. E’ un trattamento per lenti da vista chiare, applicabile come strato ulteriore. Offre tutti i vantaggi di un trattamento DuraVision® Premium di ZEISS, comprese la resistenza ottimizzata e la facilità di pulizia. Inoltre, BlueProtect include un filtro blu che attenua la luce blu nell’intervallo compreso tra da 380 a ca. 450 nm. Ne consegue un migliore comfort di visione per chiunque desideri una protezione dalla luce blu durante le attività in ambienti chiusi, senza dover rinunciare agli effetti benefici della luce blu nell’intervallo compreso tra ca. da 450 a 500 nm.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti sull’argomento e sulle possibili soluzioni, vi consigliamo di contattare ottica-casati

qualitaeconvenienza.ch/ottica-casati

Condividi!

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest